Alessandro Lopez a Pereta

Ritornare in sella 2 è il nuovo titolo di questo articolo dedicato alla mia grande passione per la moto. Nel precedente articolo ho raccontato del lungo periodo di fermo dovuto ad un po’ di paura subentrata dopo un banale incidente avuto nel 2022.

Tutto ormai è superato ed esorcizzata la paura ho ricominciato a percorrere chilometri sugli itinerari a me tanto cari e sono andato al Lago del Turano, Lago del Salto, sono tornato a Collarmele ed in altri luoghi sempre con percorsi avvincenti e pieni di curve per il sano divertimento di percorrere con la mia BMW K1600 GT strade in assoluta sicurezza, ma apprezzando le pregevoli doti sportive della mia moto.

Così la Sabato scorso dopo quaranta anni mi sono rivisto con il mio collega di Corso AUC, Augusto Cecchi, anch’egli appassionato di moto, per andare a fare un giro insieme in moto. Mai potevo immaginare il giro che si stava preparando del tutto casualmente. Abbiamo ripercorso insieme letteralmente tutto l’itinerario della faticosa pattugli di fine corso raggiungendo la tanto agognata Stazione abbandonata di Civitella Cesi.

Io putroppo allora non la raggiunsi perchè il mio plotone, vittima di un’imboscata, venne eliminato e quindi venne meno l’obiettivo di conquistare la piccola stazioncina abbandonata in mezzo alla campagna.

Abbiamo iniziato esattamente il nostro itinerario da Manziana, sulla Strada Provinciale 493 percorrendola per passara da Oriolo Romano, Poggio Palombino, Vejano, Barbarano Romano, Blera, fino a raggiungere la piccola stadione dove ci siamo fatti una fotografia insieme.

Augusto Cecchi sulla sinistra ed io ovviamente sulla destra.

Sullo sfondo si nota la stazione con la denominazione. Devo dire che è stato emozionante perchè nel corso di quarta anni non l’avevo davvero mai vista.

Le nostre due moto

La giornata è stata splendida con un sole caldo, ma la mente è andata a quella settimana di pattuglia dove si camminava la notte per quella statale che si vede nella foto per poi organizzare il cosiddetto bivacco diurno in zone boschive dove non si doveva essere rintracciati. Tutto questo con un freddo bestiale (era Febbraio del 1985), un pesante zaino sulle spalle, il fucile e tutto il resto appresso.

La situazione era esattamente questa. Una immagine in bivacco durante la pattuglia

Ma torniamo alla moto ed al giro che è proseguito alla volta di Tarquinia per poi ritornare con il percorso inverso e rientro a casa per pranzo.

Ecco altre foto

Stazione di Civitella Cesi

Domenica scorso invece su suggerimento di mio cognato Aldo sono andato a visitare un grazioso borgo nella Maremma Toscana chiamato Pereta. Si percorre la Statale Aurelia e in prossimità della località Quattro Strade si gira sulla destra e si imbocca la SP128 e su una strada mista con curce e piccoli tornati facili da affrontare si raggiunge il piccolo Borgo di Pereta.

Ecco qualche foto.

L’ingresso al Borgo di Pereta
Immancabile selfie al Borgo

Dopo una breve sosta per bere un po’ d’acqua ho proseguito fino a Scansano risalendo sempre sulla stessa Strada Provinciale per circa 19 chilometri sempre con tornanti lievi.

Ecco la foto della piazza principale

La Piazza di Scansano

Nella giornata di ieri invece ho deciso, vista la bella giornata, di prendermi un dayoff ed andare a Norcia non essendoci mai stato in moto. Anche li una bellissima strada piena di belle curve e molto larga per cui si percorreva in piena sicurezza. Ho incontrato molti motociclisti che hanno approfittato come me per godersi una sana giornata di relax con la propria moto.

Devo dire che sono rimasto molto colpito da Norcia perchè purtroppo come varie zone terremotate è in condizioni disagiate. Molti edifici sono crollati e la ricostruzione stenta a ripartire di conseguenza ne è penalizzata l’economia.

Basilica di San Benedetto – Norcia

Come potete vedere nella foto sopra della Basilica di San Benedetto almeno li sono iniziate le opere di restauro e sono iniziate nuovamente le visite in Basilica. Ecco qualche altra immagine di repertorio della zona.

Norcia vista dall’alto

Consiglio vivamente, cosa che non ho avuto il tempo di fare e che farò, una escursione a Castelluccio di Norcia.

Lo spettacolo della fioritura a Castelluccio di Norcia

E così ecco raccontato il ritornare in sella 2. Ci saranno altri articoli nei prossimi itinerari che percorrerò in moto.

Ritornare in sella 2. Vi aspetto per il prossimo articolo su questo sito https://www.alessandrolopez.it

E per gli appassionati di moto come me segnalo questo sito dove potrete trovare itinerari interessanti nel Lazio ecco il link: https://www.bieti.it/2022/02/24/itinerari-in-moto-i-migliori-percorsi-nel-lazio/

Buona strada a tutti!

Condividi!
2 Risposte
  1. Davide

    Sono mancate le tue escursioni con itinerari fotografici

    È sempre bello farsi un giro per il nostro Paese in sella con voi

    Hai ripreso alla grande,con compagni di viaggio e luoghi speciali

Lascia un commento