MI FACCIO DELLE DOMANDE E MI DO DELLE RISPOSTE

Tra qualche giorno compirò 56 anni, vissuti tutti molto intensamente con evidenti gioie, dolori, difficoltà, imprevisti e tutto quello che la vita ti mette nel conto ogni giorno, ma sempre vissuta guardando avanti e voltandomi dietro le spalle molto raramente. Ho deciso quindi di farmi un “regalo” da solo e farmi una serie di domande come se intervistassi me stesso dandomi delle risposte sincere.

Ecco Alessandro mi faccio delle domande:

Ciò che mi rende felice

Mi rende felice essere un uomo libero. Libero di vivere la mia vita dando spazio alla mia innata fantasia che a volte mi ha portato anche al nulla ma che serve per essere liberi. Mi rende felice vivere quotidianamente la mia famiglia, mia moglie e mia figlia. Mi rende felice viaggiare, non solo con la mente, ma veramente scoprendo ogni luogo del mondo come ho sempre fatto in questi anni quando ho potuto farlo. Viaggiare apre la mente in senso generale. Anche un piccolo viaggio di pochi chilometri mi rende libero di scoprire ogni angolo possibile. Mi rende felice il lavoro che svolgo e mi ritengo un privilegiato nell’apprezzarlo ogni giorno pur avendo avuto momenti bui che mi hanno fatto venir meno a volte il desiderio di continuare, ma ho saputo rialzarmi ogni volta che sono caduto sempre con maggiore entusiasmo e spirito da combattente.

Mi rende felice coltivare la passione dei miei viaggi in moto che mi danno sempre un gran senso di libertà e spensieratezza e condividere con amici che hanno la mia stessa passione viaggi indimenticabili. Mi rende felice vedere intorno a me persone felici per la forte empatia che è innata in me. Infine mi rende felice l’essere felice.

Cosa posso vivere senza…

Posso vivere senza telefono, senza notizie, senza pettegolezzi, senza illusioni, senza certezze, senza cose tangibili e materiali, senza compagnia perché so stare in solitudine quando e come voglio, senza invidia, odio che sono sentimenti che non conosco.

Quali sono le cose più importanti della mia vita

Mia moglie e mia figlia che sono la mia vita. E poi qualche amicizia vera e condivisa.

Come posso dedicare più tempo a fare ciò che amo?

Diminuendo il tempo a ciò che non amo fare, concentrandomi sempre con più assiduità su quello che amo fare, ma Alessandro questi sono affari miei, non essere invadente!

Come posso dedicare meno tempo a fare ciò che non mi piace

Certamente dedicando meno tempo a chi mi ha usato esclusivamente come un veicolo per raggiungere le mete selezionate, senza l’utilizzo del navigatore di bordo, macinando troppi chilometri e non curandosi di fare la necessaria manutenzione periodica necessaria e prevista dal “Manuale d’uso”, sostituendo rapidamente il veicolo con uno nuovo quando il vecchio ed obsoleto per le motivazioni di cui sopra ha smesso di funzionare regolarmente. Un’automobile d’epoca, e lo diventa dopo 20 anni dalla sua immatricolazione, vale molto di più nel tempo, ma non solo da un punto di vista economico che è marginale, ma soprattutto per ciò che quell’automobile ha rappresentato nell’epoca in cui ha viaggiato e continua a viaggiare.

Cosa devo fare per sentirmi più sano

Ovviamente avere sempre cura di me stesso sotto tutti i punti di vista, ma spiritualmente essere sempre conscio di vivere il presente, rispettando il passato che insegna e guida verso il futuro.

Quali sono i miei sogni più grandi

Mi ritengo già molto fortunato di averne realizzati tanti. E’ giusto continuare a sognare perché il sogno è linfa vitale per la nostra vita e per non sentirsi mai arrivati ad un traguardo, raggiunto il quale c’è sempre una nuova partenza con tanti ostacoli da superare. Purtroppo essendo un uomo molto razionale sono portato ad avere sogni che abbiano sempre un indice di fattibilità ben ponderato nel tempo proprio per evitare il passo breve dal sogno all’illusione.

Come voglio vivere il mio resto della vita

Vorrei vivere il mio resto della vita con lo stesso entusiasmo ed intensità con la quale l’ho vissuta sino ad oggi proiettata nel futuro, cercando sempre un miglioramento personale, l’accrescimento di un bagaglio di esperienze da tramandare a mia figlia perché possa a sua volta vivere la sua vita in modo autonomo, facendo le sue giuste esperienze, ma con un “memorandum” mentale tramandato da suo padre.

Cosa voglio realizzare prima di morire

Essere sempre più consapevole di aver vissuto una vita giusta, fatta di valori come l’onestà, il senso della famiglia, l’affetto ed il rispetto verso gli altri e portarla con me nella vita ultraterrena alla quale non ho mai smesso di credere, con la speranza di lasciare a chi resta un buon ricordo di me che venga custodito nel proprio intimo con gioia e non con dolore. Mi è sufficiente questo.

Buona vita Alessandro, sentiamoci ogni tanto anche per un saluto.

14 Responses
  1. Avatar
    Alberto

    Ho letto delle belle parole Alessandro, la famiglia prima di tutto, anch’io sto cercando di appianare e risolvere vecchi contrasti, perché dopo la morte di mio fratello ho capito che è l’unica cosa che conta.
    Il comportamento e l’integrità morale per vivere una vita giusta sono un’altra importante pilastro e poi anche in questo mi riconosco, viaggiare specialmente su strada secondo me, ti fa sentire libero… Anch’io amo viaggiare in auto e anche quando 0er esempio andiamo in vacanza, io dico sempre che il viaggio stesso fa parte della vacanza.. Ciao Ale!

    1. Alessandro Lopez

      Grazie Alberto per il commento e per condividere le mie riflessioni, sappiamo bene io, te e tutti i nostri amici veri in comune quanto affetto e stima reciproca condividiamo da tanti anni insieme e questo è ampiamente testimoniato dai blog intervista che ho fatto a ciascuno di voi sulla nostra comune esperienza durante il servizio di leva che ci ha fatto incontrare tanti anni fa. Buona vita anche a te e tanta tanta serenità amico mio.

  2. Avatar
    Davide

    Sono lieto tu abbia permesso ai lettori del tuo blog di conoscerti ancor meglio : da tuo amico, mi sento onorato di aver conosciuto queste caratteristiche , in parte… E sottolineo in parte, in quanto il tempo ce lo ha impedito, talvolta.

    Il senso della famiglia e l’abnegazione per il tuo lavoro sono dei capisaldi che ti renderanno sempre orgoglioso di quello che sei.
    Il rispetto per gli amici (quelli veri, che non attingono alla tua persona come veicolo per tragitti personali) è ampiamente ripagato e le cose che abbiamo elencato, sono quanto di più essenziale occorra per essere felici.
    Con il tuo compleanno che si avvicina, ci hai fatto un bel regalo

    1. Alessandro Lopez

      Caro Davide, ti ringrazio sempre per i tuoi commenti che confermano il crescere della nostra amicizia nel tempo. Le mie sono considerazioni di una persona che ha fatto il cosiddetto “giro di boa” e sono domande che almeno una volta della vita ognuno di noi dovrebbe farsi per capire da dove è partito, dove si trova e dove vorrà andare. La vita è un soffio lieve e va vissuta come ho detto in modo intenso accettando di buon grado qualsiasi cosa ci offra.

  3. Avatar
    Francesco

    Bravo brothers
    Belle parole…. Mi piace idea di vivere il presente usando il passato per proiettarsi nel futuro… Ma ho una visione un po diversa…. Che però non dista molto dalla tua.
    Vivo nel presente…. Usando solo il presente per una semplice equazione :
    Il passato è andato, il futuro è una proiezione mentale di ciò che ci si aspetta ma non esiste ancora… Cosa mi resta se non questo preciso istante che ora è già passato… Ora è già passato… Ora è già passato.. Un solo istante è la realtà vissuta esattamente l istante stesso.
    Ora ti saluto… Ed è già passato.

  4. Avatar
    Dario Pastorino

    Caro Alessandro, sono felice che esiste ancora qualcuno in grado di farsi delle domande. Se tutti ci soffermassimo ogni tanto a riflettere su chi siamo e dove siamo arrivati, ci sarebbero meno genitori rinchiusi in una casa di riposo, meno figli di fronte a un televisore, meno indifferenza e soprattutto più consapevolezza. Felice di sapere che siamo sempre sulle stesse frequenze. Ti abbraccio forte.

    1. Alessandro Lopez

      Caro Dario, ti ringrazio per il tuo commento è proprio perché siamo sempre in sintonia di pensiero, e ne sono felice anch’io, condivido in pieno anche il tuo proprio perché spesso abbiamo avuto modo di confrontarci su tanti argomenti ed abbiamo constatato comuni pareri e sensazioni. Un grande abbraccio anche da parte mia.

  5. Avatar
    Paola

    Che bel quadro di Te che hai dipinto con le tue parole! Un uomo ricco in valori, che ama la semplicità, i veri sentimenti e gli affetti veri e sinceri…e tutto ciò racchiude il senso della nostra Vita. Viva il “64” e Viva “Noi” che comunque vada non ci attendiamo mai e mai smetteremo di sognare. A presto caro Alessandro! Complimenti per la tua intervista ed immensi Auguri per l’immediato Compleanno! Un abbraccio Paola

    1. Alessandro Lopez

      Grazie Paola per le tue belle parole, sicuramente è un’autoritratto fatto in modo fedele e sincero come sono realmente io. Il 1964 effettivamente è un anno particolare ci si potrebbe definire simpaticamente la “classe di ferro” degli anni ’60. Ti ringrazio per il tuo affetto e per aver commentato questo blog.

  6. Avatar
    Antonio DD

    Sei la favola prima di andare a letto, sensibile, spiritoso, sei un sognatore amico mio, uno che volando su di una nuvola riesce a tirare a se chi ama e farlo viaggiare, regalando IL BENE.

    1. Alessandro Lopez

      Caro Antonio, grazie per queste tue bellissime parole che si uniscono a quelle di chi ha commentato con affetto e stima questo mio blog. Il mio proposito, come scritto è proprio quello di rimanere così come sono e se possibile anche migliorarmi perchè c’è sempre da imparare ogni giorno dalla vita e se riesco ancora a far sognare qualcuno vuol dire evidentemente che sto riuscendo nel mio intento. Ti abbraccio forte.

Lascia un commento